domenica 11 settembre 2016

Dairago paese dei murales



Non importa da dove vieni
tutto comincia da un cartello
Benvenuti a Daiåghu le paézi dei Murales
Le strade entrano nell’abitato,
tra i muri colorati si animano
le immagini che raccontano un tempo
con giochi, mestieri, canti e allegria,
quando la vita era fertile
di condivisione e semplicità.

I muri del Camaóón nascondono vecchi riti,
gesta dei cavalieri Casati e del Cardinale.
Nei cortili si stendeva l’ombra dei gelsi
dove i nonni raccontavano mille zεmpie
con le mani negli occhi dei bimbi curiosi.
Tutto intorno un paesaggio rurale
con filari di vigne a pizzicare ancora il cuore.
Lì dove i Muroni nutrivano preziosi
bigatti, ora ci sono case e cemento,
nuovi sguardi, nuove voci riempiono le vie
nuovi tessuti intrecciano le maglie del tempo
nuove lingue colorano il futuro
e il paese cresce velocemente.

Nel profilo si erge la Torre Lampugnani
ad accogliere i colori dell’alba
ascoltando il canto del campanile
mentre all’orizzonte domina il Monte Rosa
dalla luce del mattino fino al braciere del tramonto.
S’incamminano le generazioni
sulle strade dei Burgari passando
per la piåza püsé,
crocevia del Palio e di antichi mercati.
La banda con orgoglio cittadino
accompagna i giuramenti nel dì di festa.
Nel vento si gonfiano le bandiere delle contrade
quattro come i punti cardinali,
quattro come le stagioni,
quattro come i segni della croce.

Scivolano le tuse nella via crocifisso
correndo mano nella mano a formare
un girotondo all’albero della Kruzeta
per la preghiera rivolta al cielo
ancora bianco come un fiocco di nuvola
ancora blu, come petali dei fiordalisi.
E poi inseguirsi a nascondino nel parco delle roggie
luogo incantevole ad ogni stagione
il brusio svanisce nei piacevoli canti della natura
sémpar ricca di colori e di profumi
Il cuculo arriva ad ogni primavera,
ad annunciare nell’aria la bella stagione
e sa senti tut le bel parfum da giunghiglia

Ci parla la terra e risponde il busku
nella tradizione s’alimenta la memoria
e ricomincia il ciclo della vita
Benvenuti a Daiåghu le paézi dei Murales

5 commenti:

  1. interessante il connubio italiano/dialetto, così come quello della tradizione e della modernità, che si intrecciano giocoforza in un nuovo tessuto

    Buona domenica e buon Palio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, inizia oggi con la sfilata, poi durante la settimana si svolgeranno i giochi e domenica prossima giornata conclusiva.
      Buona domenica

      Elimina
  2. Mi è piaciuta.Non conoscevo l'esistenza di Dairago nè del suo recente Palio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vale la pena visitarlo, i murales sono molto particolari
      Buona domenica

      Elimina