giovedì 22 giugno 2017

Tra queste stelle

Dimmi che ci sei tra queste stelle
che sei l'eco del paradiso
se chiudo gli occhi saprei trovarti fra mille
se solo tu parlassi e dessi un sussurro
ecco mi par di sentire il tuo cuore
la più bella musica della vita.
In una sera come questa ho smarrito i confini
e tu mi portasti l'enigma dell'amore
che si rinnova ad ogni sguardo
come l'onda che s’infrange sullo scoglio
innamorandosi di schiuma.
Ascoltami, ascoltiamo insieme il vento
e questo amore ancora giovane
che zampilla miele rosso nel cuore

3 commenti:

  1. Versi molto belli. Tu scrivi"siamo sulle spalle dei giganti" e concordo. Ovidio e Saffo hanno ricucito le anime di molti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Prometeo, sei sempre molto gentile. Ogni volta che leggo il tuo nome penso al tempo, alle nuvole, al mare e a tutto quello che si trasforma.
      Penso anche ad una poesia non ancora scritta ma che volteggia leggera negli occhi con il suono del tuo nome

      Buona serata

      Elimina
    2. Il Mito di Prometeo offre molte ispirazioni. La tua poesia è sempre piu' coinvolgente. Ciao

      Elimina